ERAS

ERAS

ERAS

La diffusione della chirurgia epatica mininvasiva non ha solo contribuito all’evoluzione della tecnica chirurgica ma anche all’innovazione in termini di gestione dei pazienti.

In effetti, l’applicazione di protocolli multimodali di gestione perioperatoria, comunemente indicati come “programmi di recupero accelerato o avanzato” (Enhanced Recovery After Surgery, ERAS) ha ottenuto miglioramenti significativi nei risultati di varie procedure chirurgiche. Identificando i fattori che ritardano il recupero postoperatorio (dolore, disfunzione intestinale e immobilità) e combinando una serie di interventi per ridurre lo stress peri-operatorio e la disfunzione d’organo, tali programmi hanno mostrato di accelerare il recupero postoperatorio e ridurre la durata della degenza, senza influenzare il tasso di complicanze postoperatorie o addirittura riducendolo.

È stato sviluppato un programma strutturato e dettagliato con criteri di recupero e dimissione ben definiti che è attualmente introdotto nella pratica clinica dei centri con programmi avanzati di chirurgia epatobilire. I pazienti con tumori epatobiliari possono beneficiare di questi programmi in termini di qualità della vita, risultati estetici e costi sociali.

In questo contesto, l’Unità di Chirurgia Epatobiliare dell’Ospedale San Raffaele di Milano svolge un ruolo rilevante in ambito nazionale ed internazionale. Gli elementi che caratterizzano questa leadership comprendono:

  • la casistica clinica e il protocollo fast-track sviluppato prospetticamente sulla base dell’esperienza clinica e delle evidenze disponibili in letteratura. Il nostro team epato-biliare ha sposato l’idea di un lavoro d’èquipe (chirurgo, anestesista e infermieri con una specifica competenza negli interventi sul fegato e sulle vie biliari) volto a migliorare e ad ottimizzare l’assistenza clinica nell’ambito del programma ERAS (Enhanced Recovery After Surgery). Tutti i pazienti candidati a resezione epatica, indipendentemente dall’estensione della resezione (maggiore o minore) e dall’approccio (laparoscopico o laparotomico), sono inclusi nel protocollo ERAS.
  • lo sviluppo di uno specifico protocollo di gestione HYPER-ERAS dedicato a un gruppo selezionato di pazienti che vengono gestiti e preparati per ottenere una recupero funzionale completo entro 24 h dall’intervento chirurgico
  • significativo contributo alla letteratura scientifica internazionale attraverso:
    • realizzazione di studi clinici volti a valutare l’efficacia e i risultati dell’applicazione dei protocolli fast-track in specifiche categorie di pazienti (Ratti et al, Dig Liver Dis 2016; Ratti et al, Surgery 2018). 
    • contributo dei dati della serie Ospedale San Raffaele per la realizzazione dei primi studi multicentrici di fattibilittà (Wong et al, World J Surg 2014; Van Dam et al, Trial 2012);
    • l’unità di Chirurgia Epatobiliare del San Raffaele di Milano è inoltre parte di studi prospettivi randomizzati multi-istituzionali internazionali per la definizione dei vantaggi clinici ed economici della chirurga laparoscopica rispetto alla chirurgia open condotta con protocolli fast-track (ERAS) nelle resezioni minori (ORANGE II – Trial), nelle resezioni maggiori (ORANGE II Plus Trial) e nelle resezioni dei segmenti postero-superiori (ORANGE Segments), essendo sino a questo momento il centro con maggiore arruolamento di casistica (ORANGE II, ORANGE II Plus e ORANGE Segments).