Ho metastasi al fegato conseguenti ad un tumore colo-rettale già asportatomi con un intervento laparotomico “ad addome aperto”. Potrò sottopormi ad un intervento con tecnica mini-invasiva?

Ho metastasi al fegato conseguenti ad un tumore colo-rettale già asportatomi con un intervento laparotomico “ad addome aperto”.
Potrò sottopormi ad un intervento con tecnica mini-invasiva?

In determinati casi è possibile in quanto la pregressa chirurgia “ad addome aperto” non preclude in maniera assoluta l’approccio mini-invasivo.

Consigliamo una valutazione medica personalizzata.

Condividi
Le informazioni contenute in questo sito sono curate dall’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Epatobiliare diretta dal prof. Luca Aldrighetti e hanno esclusivamente scopo informativo: in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento sostituendo il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Ho un tumore del tratto colo-rettale ed ho simultaneamente metastasi epatiche. Perché mi viene proposto un intervento sul fegato e non viene contestualmente asportato anche il tumore dell’intestino?

Ho un tumore del tratto colo-rettale ed ho simultaneamente metastasi epatiche. Perché mi viene proposto un intervento sul fegato e non viene contestualmente asportato anche il tumore dell’intestino?

In determinati casi, si preferisce procedere dapprima con l’intervento sul fegato e mantenere separato l’intervento sull’intestino. Questo sia per motivi di tecnica chirurgica, sia per motivi di strategia oncologica, essendo talvolta il trattamento delle metastasi epatiche ritenuto più impellente rispetto al tumore colo-rettale.
Condividi
Le informazioni contenute in questo sito sono curate dall’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Epatobiliare diretta dal prof. Luca Aldrighetti e hanno esclusivamente scopo informativo: in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento sostituendo il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Ho un tumore del tratto colo-rettale ed ho simultaneamente metastasi epatiche. Ho già ricevuto cicli di chemioterapia prima di essere candidato all’intervento chirurgico. E’ possibile asportare il tumore dell’intestino ed effettuare la bonifica del fegato in un unico intervento?

Ho un tumore del tratto colo-rettale ed ho simultaneamente metastasi epatiche. Ho già ricevuto cicli di chemioterapia prima di essere candidato all’intervento chirurgico. E’ possibile asportare il tumore dell’intestino ed effettuare la bonifica del fegato in un unico intervento?

E’ possibile effettuare interventi sincroni in casi selezionati, sia per l’asportazione del tumore primitivo sia per la bonifica delle localizzazioni epatiche. La scelta è conseguente a motivi di strategia oncologica, all’entità prevista dell’intervento sul tratto colo-rettale e sul fegato.
Condividi
Le informazioni contenute in questo sito sono curate dall’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Epatobiliare diretta dal prof. Luca Aldrighetti e hanno esclusivamente scopo informativo: in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento sostituendo il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Dopo l’intervento dovrò sottopormi a chemioterapia?

Dopo l’intervento dovrò sottopormi a chemioterapia?

L’indicazione ad eseguire chemioterapia dopo l’intervento viene valutata caso per caso, in base all’esito dell’esame istologico.

Infatti, in base al risultato, il suo Oncologo di riferimento potrebbe valutare l’opportunità di mantenerla sotto stretto controllo in un periodo senza chemioterapia oppure in determinati casi di intraprendere un trattamento.

Condividi
Le informazioni contenute in questo sito sono curate dall’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Epatobiliare diretta dal prof. Luca Aldrighetti e hanno esclusivamente scopo informativo: in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento sostituendo il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Dopo una resezione epatica posso tornare a casa o avrò bisogno di una struttura riabilitativa?

Dopo una resezione epatica posso tornare a casa o avrò bisogno di una struttura riabilitativa?

Una volta dimesso può tornare serenamente a casa sua, perché le sue condizioni le permetteranno di proseguire la vita di prima in piena autonomia.

La struttura riabilitativa viene considerata solo in condizioni particolari e selezionate.
Condividi
Le informazioni contenute in questo sito sono curate dall’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Epatobiliare diretta dal prof. Luca Aldrighetti e hanno esclusivamente scopo informativo: in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento sostituendo il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Dopo una resezione epatica quando posso riprendere a guidare?

Dopo una resezione epatica quando posso riprendere la mia vita quotidiana?

Dopo una resezione epatica quando posso riprendere la mia vita quotidiana?

Una volta dimesso piano piano può riprendere le sue attività quotidiane, che dopo circa 15 giorni dall’intervento saranno le stesse che precedevano la chirurgia. Può anche praticare attività sportiva, ma non l’attività agonistica, che potrà essere ripresa dopo circa un mese dall’intervento.
Condividi
Le informazioni contenute in questo sito sono curate dall’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Epatobiliare diretta dal prof. Luca Aldrighetti e hanno esclusivamente scopo informativo: in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento sostituendo il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Dopo una resezione epatica posso mangiare tutto o devo fare una dieta particolare?

Dopo una resezione epatica posso mangiare tutto o devo fare una dieta particolare?

Il paziente dopo una resezione epatica non deve seguire nessun tipo di dieta e non deve assumere nessun cibo in particolare, potrà alimentarsi come prima dell’intervento e senza restrizioni. Deve solo evitare gli alcolici per tre mesi.
Condividi
Le informazioni contenute in questo sito sono curate dall’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Epatobiliare diretta dal prof. Luca Aldrighetti e hanno esclusivamente scopo informativo: in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento sostituendo il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.